L'amore non ha via di Alessandra Corbetta flower-ed editore

06:21

Cari lettori, 
come state? Anche da voi oggi, c'è il sole ? 
Come c'è di meglio di una domenica nel divano con una tazza di tè e un buon libro?
Vi propongo la recensione dell'antologia di Alessandra Corbetta "L'amore non ha via" edito dalla casa editrice Flower-ed.

Buona lettura!







Descrizione:

L’amore non ha via è un’antologia poetica formata da trenta componimenti. In questo viaggio intorno al rapporto di coppia, Alessandra Corbetta indaga il sentimento amoroso, le idee e le opinioni comuni che appaiono più come percorsi imposti, convenzioni sociali che autentiche inclinazioni personali. In quest’opera di smantellamento, rimette tutto in gioco, offrendo una nuova pagina bianca in attesa del suo gentile rivolo di inchiostro.

Dati del libro:
Collana: Pegaso
Volume: 6
Formati: EPUB +MOBI
ISBN: 978-88-97815-71-6
Anno: 2016

Il libro può essere acquistato esclusivamente su Lulu e Amazon.
Acquista il libro cartaceo su Lulu
Acquista il libro cartaceo su Amazon
ISBN: 978-88-97815-72-3
Prezzo: 10.00 €


Recensione

Quando inizio a leggere una raccolta di poesie mi sento sempre un po’ smarrita, ma allo stesso tempo molto affascinata, perché devo confessare che  invidio chi riesce a scrivere delle poesie, esprimere in così pochi versi un concetto alcune volte molto complesso.
Quest’antologia, in particolare, mi ha fatto riflettere sul significato dell’amore.
L’autrice con una nota introduttiva, ci spiega bene che cosa racchiudono le sue poesie, lei ci parla delle varie forme che può assumere l’amore, le difficoltà di credere in un amore eterno, quello che supera le convenzioni sociali, l’amore condiviso tra più persone, ma anche quello perduto e il rimpianto, la solitudine.
Ma l’amore cos’è?
Leggendo i vari componimenti  poetici ci accorgiamo, che l’amore è tutt’altro che un sentimento difficile e impervio ma è una cosa semplice, ma a volte, è il mondo attorno a noi a renderlo più complicato di quello che è.
Amare è facile?
In linea teorica noi tutti siamo in grado di amare, è da poco passato il 14 febbraio, “la Festa degli Innnamorati” e io mi chiedo sempre, se solo a San Valentino ci si ricorda di amare l’altro, non dovrebbe essere ogni giorno la festa dell’Amore? Perché ci deve essere un giorno dove ci si ricorda di dover amare?
Perché si deve amare? Si deve amare per forza?
Io credo che noi tutti abbiamo un cuore in grado d’amare, di dare amore, ma che poi questo sentimento a volte viene coperto da altro, e leggendo queste poesie me ne sono resa conto.

Ve ne cito alcune che ho trovato particolarmente interessanti.

“Come neve”, in questa poesia  troviamo il tema dell’abbandono dell’amore, della facilità dell’innamorarsi, ma anche allo stesso tempo, la velocità con la quale questo sentimento ci lascia, puro ma allo stesso tempo fragile.

“Terremoto”, racconta la paura di non riuscire a vivere l’amore, la distruzione dell’amore che metaforicamente viene paragonato a due persone sotto le macerie, che non sanno rialzarsi, che non sanno reagire alla fine di una relazione e dove quello che gli rimane sono solo delle parole d’amore, che saranno degli amari ricordi.

“Il tuo amore” l’ho trovata molto dolce, intensa, parla dell’innamoramento quando non si vedevano altri occhi che non fossero quelli della persona amata, quando non si sentiva altro che il suo nome, quando tutto era bellissimo, perfetto e che nonostante tutto, anche se l’amore è finito ci rimane il ricordo di quei momenti, resta vivo in noi.

La mia preferita è “Antropofagia”, la parola stessa lo dice, qui l’amore viene paragonato a mangiare il cibo, anche carne umana dell’amato,ma qui tutto è una grossa metafora per far capire al lettore lo strazio e la sofferenza per un amore finito. Partiamo dai primi tempi della relazione, nei quali si sopportava ogni cosa, poi quest'amore viene bruciato e consumato troppo in fretta, come appunto se avessimo mangiato in maniera troppo veloce il cibo che poi ci è andato di traverso.Poi d’improvviso tutto finisce, ma quello che mi ha colpito è stato il modo in cui l’autrice ha reso l’idea della fine dell’amore, eccone alcuni versi.
“Ho mangiato un sacco di volte i tuoi occhi,  le tue labbra erano pasto quotidiano,  le tue mani le posate attente  a guidare ogni boccone:  poi mi hai sbranato di colpo il cuore,  senza aver cura di sparecchiare la tavola.  Ma io avevo già mangiato tutto,  ti avevo già ingoiato  e come il più buon cioccolato amaro  resterai a vita in ciò che sono.”
Dal punto di vista della metrica, non ho trovato nelle varie strofe delle rime, ma piuttosto delle anafore, il ripetere nel verso successivo dell’intera parola che concludeva il verso precedente ,come a voler ripetere ed enfatizzare l’importanza della scelta di quel determinato vocabolo o espressione. Anche per voler dare e scandire un ritmo ben deciso.
Quindi possiamo dire che l’autrice ha seguito uno schema di versi sciolti liberi  dalle rime convenzionali,ho trovato alcune consonanze e molto enjambement che ho trovato molto piacevoli da leggere.
Anche le strofe sono di lunghezza variabile, quindi possiamo parlare anche qui di strofa libera, sia come metro variabile dei versi, che come schema libero per le rime, che per la struttura stessa del componimento.
Tutte le poesie sono delle metafore per descrivere l’amore nelle sue varie forme, lo stile dell’autrice è molto curato e vi è una ricerca dell’italiano, anche con termini non di uso quotidiano.
A mio avviso, è un’antologia molto interessante che dovrebbe andare letta e riletta per capire ed anche per interpretare il significato delle poesie, ho apprezzato molto Alessandra, il suo modo di descrivere l’amore  e il suo stile molto attento ai dettagli,alcune volte anche molto forte, molto marcato a sottolineare il concetto che vuole esprimere.

Un testo che consiglio vivamente, una lettera interessante, fresca, ricca di significati e molto attuale, in grado di descrivere le varie sfaccettature dell’amore.



You Might Also Like

0 commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *



Flower-ed





flower-ed è una casa editrice indipendente fondata nel 2012 a Roma. Il catalogo è costituito da testi di saggistica e narrativa, manualistica e poesia, in cui contenuti tradizionali sono associati a forme nuove, legate alla scelta di pubblicare in e-book.

Ecco il link:


http://www.flower-ed.it/



Qlibri




Faccio parte di questo portale letterario dove scrivo recensioni di libri e faccio parte della Redazione.


http://www.qlibri.it/




Rosa dei venti editore




Rosa dei Venti Edizioni è una casa editrice digitale esordiente, una piccola realtà editoriale che si nutre di grandi sogni e che ha preso vita grazie all'immensa passione che abbiamo per i libri e la lettura. Nasce l'8 Marzo 2014, giornata della festa internazionale della donna, e lo consideriamo il nostro modo per onorare il mondo femminile e la sua espressione nelle arti. La nostra linea editoriale, infatti, dà ampio spazio alle donne scrittrici e alle storie rivolte a un pubblico femminile.



http://www.rosadeiventiedizioni.com/



Garzanti





La casa editrice Garzanti fa parte del Gruppo Editoriale Mauri-Spagnol (GEMS). È una delle più antiche e prestigiose case editrici italiane.


http://www.garzantilibri.it/







http://www.lafeltrinelli.it/



Butterfly edizioni


Risultati immagini per butterfly edizioni

Etichette