Tutto quello che siamo di Federica Bosco [RECENSIONE]

13:05

Oggi sul blog, pubblico la recensione di un libro che mi ha emozionato e colpito per quanto sia reale e per quanto rispecchi verosimilmente i disagi e i problemi di un'età così difficile  e complicata come l'adolescenza.



Trama:

Marina ha diciannove anni e una vita molto complicata. Sua madre è morta, e suo padre, un uomo prepotente e autoritario, si è risposato con una donna odiosa che la tratta come Cenerentola. L'unica ragione che la trattiene dal fuggire da casa è il fratellino Filippo, che Marina cerca di proteggere da quella famiglia dissestata a colpi di affetto e ironia. Il suo grande sogno è quello di entrare all'Accademia delle Belle Arti, essendo dotata di un incredibile talento per il disegno, ma non potendo permetterselo, l'unico modo di stare il più vicino possibile a quel mondo è lavorare al bar davanti all'Accademia, dove può osservare gli studenti che fanno la vita che vorrebbe lei e a peggiorare la situazione è innamorata cotta di Christo, uno studente brasiliano bello e scapestrato che viene a fare colazione da lei tutte le mattine senza degnarla di uno sguardo. La sua vita non potrebbe essere più frustrante se si escludono i momenti in cui si chiude in camera a disegnare senza sosta ascoltando i Temper Trap estraniandosi totalmente da quel mondo cupo e senza speranza. Finché un giorno arriva Nic.




Recensione:

Tutto quello che siamo, racconta la storia di Marina una diciannovenne che vive un periodo difficile della sua vita.
Si sente inadeguata nel mondo in cui vive,  fuori posto e incompresa come se fosse dentro un labirinto e non riuscisse a trovare l’uscita.
Sua madre non c’è più, ha un padre severo e autoritario, che non la considera e che ha poca fiducia in lei, la sua opinione non conta nulla e basta poco per farlo arrabbiare.
Marina potrebbe scappare via lontano, lasciare il paese, la casa in cui vive ma che non sente sua, ma deve pensare al suo fratellino Filippo che non può lasciare da solo.
Il padre si è risposato con una donna odiosa, fissata con la dieta e ogni occasione è buona per mettere in cattiva luce Marina, nei confronti del padre.
La protagonista ha un sogno, quello di poter studiare all’Accademia delle Belle Arti, ma per il momento può solo sognare ad occhi aperti lì in quel bar di fronte all’istituto, dove lei lavora per poter mettere da parte qualcosa, forse per un futuro da sola con il fratello.
Il pomeriggio lavora nel negozio dell’amico Dario, un ragazzo mantenuto dalla madre, che non sa cosa vuole fare dalla vita e si ubriaca ogni sera a delle feste assurde.
Ad aiutare la protagonista c’è anche Ginevra, la sua amica del cuore, che si lascia coinvolgere in una storia con un uomo più vecchio di lei.
L’inizio del libro è molto duro e triste, Marina non vive bene la sua età, ricorda che nemmeno la madre l’ha mai fatto, lei non era felice ma è rimasta ugualmente con il padre perché”Le era stato insegnato che un matrimonio è per sempre e questa era l’unica cosa che importava”.
Nonostante tutto quello che doveva subire, anche se era stata tradita e picchiata, la madre di Marina era sempre rimasta insieme al padre.
La ragazza è convinta che nella vita la ruota non giri, non è che se da piccolo sei uno sfigato crescendo hai un riscatto, no, se le cose iniziano male poi non possono che andare peggio.
E quando in tutta una vita Marina non mai ricevuto l’amore che merita, in quell’età ,a diciannove , per un po’ d’amore si commettono degli errori.
“E quando si è disposti a tutto pur di mendicare briciole di affetto, si finisce per incontrare un sacco di gente che se ne approfitta”.
Come nel caso di Christo, brasiliano che con la sua aria da ragazzo di strada, con i suoi dread e il suo sorriso, fa innamorare Marina solo che lei non riesce a parlarci, ma un giorno le cose cambiano i due escono insieme, ma la loro relazione non è proprio quella di cui Marina ha bisogno.
I loro incontri sono pressoché fisici e privi di sentimenti, fanno solo che aumentare l’estremo bisogno che ha la ragazza di essere amata, di trovare una persona che si prenda cura di lei.
Ma Marina ci casca ancora e ancora, deve scontrarsi con la dura realtà della vita, fino almeno quando incontra Nic, il classico principe azzurro che al posto del cavallo ha lo skate.
Nic è dolce, attento, simpatico ma ha un segreto che mantiene per quasi tutta la storia e che spiazzerà e devasterà ancora una volta Marina.
“Quando il cervello subisce un forte trauma psicologico, entra in uno stato di stress molto intenso e crea dei meccanismi di difesa per garantirsi la sopravvivenza e contenere il dolore”.
Per la sua giovane età, Marina, ha già subito una serie di perdite e di traumi ai quali poche persone sarebbero riuscite a tirare fuori il coraggio, che invece la ragazza è riuscita a far uscire in queste situazioni.
Io l’ho apprezzata moltissimo, quella sua estrema fragilità, ma anche la sua ricerca costante di un po’ d’affetto, anche se in alcuni casi si è intrufolata in situazioni sbagliate.
“Mi aveva preso il cuore, l’aveva accarezzato, cullato e protetto e poi sul più bello lo aveva scagliato contro il muro.”
Molte volte parliamo di seconde occasioni,e contrariamente a cosa pensa Marina all’inizio,
forse la ruota girerà anche per lei, ci potrebbe essere da un momento all’altro, una possibilità per essere felice.

Adoro Federica Bosco, il suo stile inconfondibile, unico che ti colpisce sempre anche quando scrive un genere diverso dalla chick lit  e quando ti trasporta all’interno della storia.
I personaggi sono ben delineati e definiti,ho apprezzato moltissimo Marina, la sua fragilità e allo stesso tempo la sua forza e anche Dario con la sua ironia e la sua completa confusione nei confronti della sua vita.
Non sono abituata a leggere Federica in questa veste, in questo modo così drammatico e così triste, di solito leggiamo storie di single che si prendono un po’ in giro, autoironiche e diciamo che si cacciano in situazione assurde e divertenti.
Anche in questa veste l’autrice non delude e ci regala una storia reale, piena di buoni sentimenti, e dove la protagonista cresce con l’evolversi della storia,  ma in un certo senso rimanendo sempre Marina, con il suo sogno di disegnare e con  il suo estremo bisogno di trovare l’amore che merita.




You Might Also Like

1 commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *



Flower-ed





flower-ed è una casa editrice indipendente fondata nel 2012 a Roma. Il catalogo è costituito da testi di saggistica e narrativa, manualistica e poesia, in cui contenuti tradizionali sono associati a forme nuove, legate alla scelta di pubblicare in e-book.

Ecco il link:


http://www.flower-ed.it/



Qlibri




Faccio parte di questo portale letterario dove scrivo recensioni di libri e faccio parte della Redazione.


http://www.qlibri.it/




Rosa dei venti editore




Rosa dei Venti Edizioni è una casa editrice digitale esordiente, una piccola realtà editoriale che si nutre di grandi sogni e che ha preso vita grazie all'immensa passione che abbiamo per i libri e la lettura. Nasce l'8 Marzo 2014, giornata della festa internazionale della donna, e lo consideriamo il nostro modo per onorare il mondo femminile e la sua espressione nelle arti. La nostra linea editoriale, infatti, dà ampio spazio alle donne scrittrici e alle storie rivolte a un pubblico femminile.



http://www.rosadeiventiedizioni.com/



Garzanti





La casa editrice Garzanti fa parte del Gruppo Editoriale Mauri-Spagnol (GEMS). È una delle più antiche e prestigiose case editrici italiane.


http://www.garzantilibri.it/







http://www.lafeltrinelli.it/



Butterfly edizioni


Risultati immagini per butterfly edizioni

Etichette